Skip to content

Approvato bando da 900 milioni per le reti idriche

Recentemente la Conferenza Unificata ha approvato un bando con 900 milioni di euro di budget che saranno destinati al miglioramento delle reti idriche nazionali, volti principalmente alla realizzazione di interventi che riducano le perdite nelle reti di distribuzione dell’acqua, compresa la digitalizzazione e il monitoraggio delle reti.

Le modalità di accesso e le finalità del bando sono state stabilite dal MIMS – Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità Sostenibili che ha definito gli atti di ripartizione e di assegnazione delle risorse per oltre 60,1 miliardi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) e del Piano Complementare (PC), un valore pari al 98% del totale di sua competenza (61,4 miliardi).

I principali soggetti che ad oggi hanno ricevuto risorse sono: RFI – Rete Ferroviaria Italiana (responsabile di investimenti pari a 35 miliardi di euro), le Regioni e gli Enti territoriali (cui sono assegnati 13,4 miliardi di euro), i concessionari e le società di gestione (7 miliardi), le Autorità di Sistema Portuale (a cui è stato affidato un budget pari a 3 miliardi), le imprese e altri soggetti economici (1,6 miliardi), i Provveditorati Opere Pubbliche del Mims (1,4 miliardi).

Risultano ancora da assegnare risorse pari a 1,2 miliardi che saranno assegnate a progetti per la sperimentazione dell’idrogeno nel trasporto stradale e ferroviario (budget previsto 530 milioni), il monitoraggio tecnologico di ponti e viadotti su strade statali e autostrade (fondi previsti pari a 450 milioni) e la digitalizzazione dei sistemi di logistica (previsti 250 milioni). Le assegnazioni relative a tali progetti, di particolare complessità, avverranno nel corso del primo trimestre del 2022.

Secondo quanto stabilito nel decreto, il 40% (pari a 360 milioni di euro) delle risorse saranno destinate alla tutela delle risorse e reti idriche è destinato alle Regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia, Sardegna).

Le richieste di finanziamento dovranno essere presentate dagli Enti di Governo d’Ambito in due finestre temporali: entro 60 giorni dalla data di pubblicazione dell’Avviso sulla Gazzetta Ufficiale (dotazione finanziaria prevista di 630 milioni) e entro il 31 ottobre 2022 (dotazione finanziaria di 270 milioni) e saranno destinati ad interventi per il miglioramento delle reti idriche nazionali, con particolare attenzione all’installazione di strumenti tecnologici per la misura delle portate, delle pressioni e dei livelli d’acqua nei serbatoi, la modellazione idraulica della rete, la pre-localizzazione delle perdite tramite metodi classici e innovativi, come radar, scansioni da satellite, interventi di manutenzione straordinaria, l’installazione di ‘contatori intelligenti’ per la misurazione dei volumi consumati dall’utenza.

Reti Idriche
Nuova Sabatini

Con la Nuova Sabatini largo agli investimenti green al Sud

La Nuova Sabatini Green & Sud finanzierà le imprese del Mezzogiorno stimolando l’acquisto di macchinari
Continua
Get Digital

“Get Digital: Go Green & Be Resilient”, dall’Europa un piano per rendere l’industria più resiliente e indipendente

Get Digital: Go Green & Be Resilient  prevedono la creazione di un network di industrie
Continua
Sport e Periferie 2022

Fondo Sport e Periferie 2022: 50 milioni di finanziamenti

Comuni e Capoluoghi di Provincia avranno tempo fino al 15 giugno per presentare la propria
Continua
EIC

EIC Scale Up 100: Bando per gli Unicorni deeptech del futuro

Il bando dell’EIC prevede finanziamenti e supporto per 100 startup o aziende deeptech con possibilità
Continua
Smarter Italy

Smarter Italy: pubblicato il 1° Bando per la mobilità sostenibile di Borghi e Città

Al via “Smarter Italy”, il programma del Mise – Miur – Mitd per promuovere la
Continua
Digital Transition Fund

Digital Transition Fund, 300 milioni per startup e PMI

Grazie al Mise e CDP Venture Capital SGR, con il Digital Transition Fund saranno investiti
Continua